RIDERE E’ LA MIGLIOR MEDICINA!

Quando ridi, oltre un centinaio di muscoli lavorano tutti insieme. Prova a contarli … Inoltre, si respira più profondamente del solito e le cellule del corpo ricevono più ossigeno, i processi di combustione vengono stimolati, i muscoli sono rilassati, e il tuo cuore – compresa la circolazione – è stimolato. Il fegato si disintossica più facilmente e il cervello rallenta la produzione di ormoni dello stress come adrenalina e cortisolo. In cambio, esso induce un maggior rilascio di serotonina, l'”ormone della felicità”.

Esperimento nr. 1:

Un uomo attraversava la strada e batteva sempre le mani due volte. Alla fine qualcuno gli chiese: “Cosa stai facendo?” – “Sto spaventando gli elefanti!” – “Ma non ci sono elefanti qui.” – “Vedi, funziona!”

Le persone che ridono molto assorbono tre volte più ossigeno, i polmoni sono piu’ ventilati e la probabilità di malattie respiratorie diminuisce.


Esperimento nr. 2:

Una donna si senti’ dire dal suo medico che aveva solo sei mesi di vita; allora chiese: “C’è qualcos’altro che potrei fare?” “Sì, c’è”, rispose il dottore. “Potrebbe sposare un commercialista.” La donna si meravigliò: “E questo mi aiuterebbe a vivere più a lungo?” “Oh no, no di certo”, rispose il dottore, “Ma farà sembrare questi sei mesi un’eternità.”

Ridere può essere molto faticoso. Una risata attiva 17 muscoli solo nel viso. Le persone che ridono respirano a getti, l’aria corre a quasi 100 chilometri all’ora attraverso i loro bronchi ed i polmoni, le corde vocali degli uomini vibrano circa 300 volte al secondo, quelle delle donne un record di 500 volte.

Esperimento nr. 3:

Qual è il nome del tipo di pane più venduto in Germania? Risposta: “Questo!” E qual è il secondo più venduto? Risposta: “No, quello!”

Ma fai attenzione: più i muscoli del viso e della parte superiore del corpo sono tesi, più rilassati sono i muscoli delle gambe. Alcuni di quelli che ridono difficilmente possono stare in piedi. E se ridi davvero, devi esser certo che i muscoli della vescica funzionino solo in misura limitata.


Esperimento nr. 4:

Uno scozzese soffriva di problemi di stomaco. Gli fu consigliato un uomo che curava con la suggestione. Quest’ultimo lo guardò profondamente negli occhi e ordinò: “Sei guarito! Sei guarito! Dì che sei guarito “. “Sono guarito!” gridò di sollievo lo scozzese. “Ottimo. Sono dieci scellini! ” Lo scozzese guardò in profondità negli occhi il guaritore e disse: “Sei stato pagato! Sei stato pagato.”

 

“L’umorismo è l’ombrello dei saggi”, scrisse l’autore tedesco Erich Kästner, e fu Charles Dickens che osservò nel diciannovesimo secolo: “Niente al mondo è piu’ contagioso delle risate e del buon umore”.

Non ridere mai di qualcuno, ridi con loro. Se devi davvero ridere di qualcuno, ridi di te stesso. In quel caso è meglio sorridere allora, dolcemente e amorevolmente.

Ma non aspettare fino alla prima domenica di maggio, perché quella è la giornata mondiale della risata. Ed è un dato di fatto! Non c’è niente da ridere.