Gli uccelli

BlaumeiseGli uccelli sono un importante indicatore di un ambiente intatto ed ecologicamente equilibrato. Essi amano i paesaggi strutturati con alberi, siepi e cespugli ed in particolare le vaste zone umide. Come la maggior parte degli animali, gli uccelli reagiscono in modo molto sensibile agli influssi innaturali dell’ambiente. Per questo l’utilizzo di pesticidi in agricoltura è un grande rischio per loro. Infatti, questi prodotti non solo distruggono innumerevoli insetti che sono una parte importante della loro alimentazione, ma li avvelenano anche direttamente. Sempre più uccelli vengono anche minacciati dalle radiazioni a microonde emanate dalle antenne dei dispositivi di telefonia mobile e dai satelliti, e si allontanano a poco a poco dalle regioni dove questa radiazione è più forte. Per tale motivo molti uccelli sono nell’elenco delle specie di animali in pericolo.

Buntspecht

Proteggerli dovrebbe essere una nostra fondamentale preoccupazione, non solo per mantenere la ricchezza delle specie, ma anche perché gli uccelli rivestono un ruolo importante nella nostra vita. Essi ci ispirano per la loro abilità di volo e la loro libertà e allietano il nostro animo con cinguettii, canti e fischi.

Gli esperti raccomandano di fornire cibo agli uccelli durante tutto l’anno, perché un paesaggio „svuotato “, ossia caratterizzato da una agricoltura intensiva, come sono spesso i giardini con poca diversità di piante, non offrono più agli uccelli cibo in quantità sufficiente, neanche in estate. Però proprio in questo periodo gli uccelli avrebbero bisogno di cibo, perché allevano i loro piccoli. Con una postazione di cibo durante tutto l’anno si possono aiutare fino a 50 specie di uccelli. L’alimentazione degli uccelli è un contributo prezioso alla loro protezione ed al mantenimento della ricchezza delle specie.

„Una postazione di cibo per gli uccelli è come un’osteria:
Deve spargersi la voce, dove si trova.
E deve essere aperta in modo affidabile, altrimenti non viene nessuno.“

Ornitologo Peter Berthold
dell’Istituto Max-Planck di Ornitologia